rams contro lancieri

Diventare fotografo sportivo: cogliere il momento decisivo nella fotografia sportiva

In questo articolo, scritto dalla fotografa sportiva Mary Di Mauro, verremo “trascinati” nel suo mondo, ed impareremo cosa serve per diventare fotografo sportivo.

Mary ci parlerà non solo dell’attrezzatura fotografica necessaria per fotografare lo sport, ma anche (e soprattutto) delle emozioni che la fotografia sportiva le regala ogni volta che fa foto di sport.

Ma basta con i preamboli, la parola a Mary Di Mauro.

Che tipo di attrezzatura occorre per diventare fotografo sportivo?

Se vuoi sapere come diventare fotografo professionista, sia nel mondo della fotografia sportiva che in generale, ciò che occorre è una buona macchina fotografica professionale:

io uso una Canon 5D Mark 2, ma se sei alle prime armi anche una semi professionale può andar bene per iniziare.

Per diventare fotografo sportivo professionista bisogna poi combinare ad una buona macchina un tele obiettivo a focale fissa di almeno 300mm (come quelli che vedi in televisione durante le partite di calcio o di tennis).

Questo tipo di obiettivo fotografico, avendo anche un’apertura di diaframma molto ampia, ha in genere un costo molto elevato: non a caso (e lo posso confermare ad occhi chiusi) dicono che la fotografia sportiva sia anche quella più costosa.

basket fischio d'inizio fotografia sportiva - come diventare fotografo sportivo
Roma, partita amichevole juniores. Si sa l’altezza nel basket conta parecchio.

Se il costo è eccessivo, ci sono altri tipi di obiettivi che puoi usare, come un 70-300mm f.4:5.6 (livello amatoriale) oppure salendo di prezzo un 70-200mm f1:2.8.

Nel caso in cui dovessi trovarti a fare continui cambi di zoom, magari perchè il campo in cui si svolge l’azione è molto ampio e non puoi contare su 2 o più corpi macchina con relativi obiettivi diversi, potresti usare una lente come quella di cui parliamo in questa recensione, il Sigma 150-500mm.

Il tutto va “sostenuto” da un buon cavalletto, per fare in modo che le foto non vengano mosse (a meno che il mosso in questione non sia voluto).

Non dimentichiamoci del flash: è indispensabile per le foto della premiazione, e ci salva il lavoro se il campo è poco illuminato.

La macchina fotografica e i vari obiettivi però non sono tutto, presta sempre attenzione al meteo!

Come ti proteggi durante un improvviso acquazzone? Importante è avere sempre con se un telo di plastica per coprire la macchina ed evitare di farla bagnare:

ancora meglio utilizzare attrezzatura tropicalizzata o fare riferimento a dei sistemi fai-da-te, come spiegato nel dettaglio in questa guida completa sulla protezione della macchina fotografica e del kit da fotografo in generale.

Insomma queste son le cose che devi avere per poter iniziare a fare foto di sport in modo professionale (se mi avessi chiesto come diventare fotografo di moda probabilmente avresti potuto risparmiare sui teleobiettivi a focale fissa, ma avresti sicuramente speso di più in sistemi di illuminazione).

Perché avvicinarsi al mondo della fotografia sportiva?

Perché e come diventare un fotografo sportivo quindi?

La velocità, il momento, l’attimo fuggente, sono alcuni dei motivi che mi hanno spinto a voler diventare fotografo sportivo (che, attenzione, non equivale a diventare fotografo accreditato).

In più ho sempre adorato lo sport in generale, e questo mi ha permesso di capire l’azione che si stava per svolgere e fare in modo che l’attimo fotografato fosse quello giusto.

un calciatore "bacia" la palla - fotografia di sport
Roma, Calcio a 5. Come dire “Amore per il gioco del pallone”.

Perché è così che funziona, bisogna non solo conoscere i meccanismi fotografici, ma anche lo sport che si sta andando a fotografare.

Mi ricordo la prima volta che sono entrata in un campo di Football Americano per andare a fotografare un allenamento di una squadra del posto, i Rams Milano

non conoscevo nulla del mondo del football Americano!

Football Americano o Rugby per me erano la stessa cosa, solo che i primi hanno i caschi!

E invece no, ovviamente sono tutt’altro e questo l’ho imparato sia guardando alcune partite dal vivo che informandomi su internet.

rams vs cowboys fotografo di sport football americano - come diventare fotografo freelance
Rams Milano vs Cowboys Selvazzano.
Mi sa tanto che il numero 18 dei Rams verrà atterrato bruscamente.

Perché bisogna conoscere lo sport per fotografarlo?

Non si può rischiare di andare a fotografare una partita di hockey, rugby, polo e non riuscire a capire come funzionano gli schemi. Si fa solo una brutta figura, non escono foto buone e non si viene più chiamati.

Informarsi è fondamentale, poi oggigiorno con i migliaia di siti che si trovano su Google basta un attimo a trovare e capire qualsiasi cosa.

Poi è vero che un conto è leggere e guardare uno sport da casa comodamente seduto in poltrona, ed un conto è essere in campo e prendere parte alla partita stessa.

Perché anche se non sei un giocatore, tu stai prendendo parte a quella gara:

sei colui che testimonia l’evento, la giocata, il sorriso, la delusione, l’esultanza.

Il mix d’emozioni che cogli è unico in ogni partita, e questo rende il fotografo sportivo un vero e proprio tassello fondamentale per la riuscita finale.

Non sarai un giocatore che segna il goal vittoria, ma sei colui che la documenta, importante quasi quanto il primo.

Ovviamente all’inizio usciranno pochissime foto utilizzabili, ma partita dopo partita si inizia a capire come anticipare il movimento.

come diventare fotografo professionista - goal
Milano, Calcio a 7. Il pallone entrerà dentro la rete o il portiere riuscirà a prenderla?
Ti sta piacendo questo articolo su come diventare fotografo sportivo?

Lo sapevi che gli iscritti alla mailing-list ricevono in anteprima tanti altri bonus e consigli personalizzati?

Se ti piace la fotografia e vuoi riceverli anche tu iscriviti subito!

Cosa si intende per anticipare il movimento

Per far si che un fotografo sportivo anticipi il movimento, prima di iniziare a scattare, deve osservare il gioco e capire a chi solitamente viene passata la palla, chi di solito tira in porta (se si parla di calcio, ma ciò vale ovviamente per tutti gli altri sport di squadra).

Fatto questo, riuscirà ad ottenere buoni scatti, e giorno dopo giorno i buoni scatti diventeranno ottimi.

La fotografia sportiva è anche un allenamento per molti altri campi della fotografia:

se riesci ad entrare nell’ottica di fotografare la velocità di un giocatore di basket mentre sta andando a canestro, allora sarai molto più rapido a cogliere l’attimo nella fotografia di ritratto (fotografare un sorriso di un bambino sarà molto più facile di una volta) o nella fotografia di moda (il movimento di una modella in passerella sarà lentissimo in confronto).

Alleni il tuo occhio alla “velocità” della fotografia sportiva e riuscirai a rendere la velocità messa negli altri campi della fotografia molto più “lenta”.

volley monza fare foto allo sport - fotografo sportivo cercasi
Serie A2, Monza Saugella vs Club Italia.
Tensione da parte del muro del Saugella. La numero 12 (Guerra) sarà riuscita a schiacciarla nell’altro campo?

Un altro motivo per il quale mi sono avvicinata al mondo della fotografia di sport è la passione per catturare l’istante decisivo, e la fotografia sportiva me ne fornisce milioni di milioni di “istanti decisivi”.

Diventare fotografo sportivo nel mondo del calcio

 Semifinale Germania Italia 2006:

Gilardino passa il pallone a Del Piero che lo deposita in rete.
2 a 0 Italia e si va in finale a Berlino.

Chi non si ricorda quella partita?

Ebbene io me la ricordo non solo per le emozioni scaturite, ma per l’esultanza di Pinturicchio che va dietro la porta del portiere tedesco e mostra tutta la sua gioia e felicità ai fotografi presenti.

La ho pensato:

voglio diventare fotografo sportivo, voglio fotografare quell’attimo decisivo che non si presenterà mai più.

Certo, Del Piero poi ha segnato molte altre volte, ma quella esultanza, quel momento in particolare non verrà mai più fotografato.

del piero italia - foto sportive di calcio - fotografi sportivi famosi
Germania vs Italia 2006, la famosa esultanza di Del Piero.
Purtroppo questa foto non l’ho fatta io… (Foto Getty)

Avevo 17 anni e avevo capito cosa volevo fare “da grande”: la fotografa sportiva!

La mia idea non era quella di diventare un fotografo sportivo famoso, solo di trasmettere con i miei scatti le varie emozioni della gara.

In fondo è questo ciò che vogliono tutti i fotografi sportivi italiani (e non): “arrivare” al maggior numero di tifosi possibile!

In questi anni poi ho capito una cosa:

è quasi impossibile sapere in anticipo quanto guadagna un fotografo professionista, anche perché dipende molto dall’attrezzatura che si dispone, dall’esperienza acquisita con il tempo e in ultimo (ma a mio avviso la cosa più importante) dalla volontà che si ha nell’imparare e adattarsi ai “tempi” della fotografia sportiva.

Quasi dieci anni dopo sarò riuscita a realizzare il mio sogno?

Mary Di Mauro room the agency - fotografi sportivi italiani
Clicca sull’immagine per vedere le altre foto di Mary Di Mauro in vendita sul sito Room the Agency

Qui termina il guest post della fotografa Mary Di Mauro, che ci ha dato dei consigli molto pratici per diventare fotografo sportivo, ossia come diventare fotografo freelance nel campo della fotografia sportiva.

Se ti è piaciuto questo articolo e credi che possa interessare anche ai tuoi amici o conoscenti, condividilo adesso!

 

Diventare fotografo sportivo: cogliere il momento decisivo nella fotografia sportiva was last modified: giugno 25th, 2017 by Mary Di Mauro

6 pensieri su “Diventare fotografo sportivo: cogliere il momento decisivo nella fotografia sportiva”

  1. Complimenti per l’articolo Mary….veramente interessante!!! A tal proposito avrei necessità, se possibile, di avere ulteriori tuoi ragguagli per poter diventare fotografo ufficiale alle gare di pallacanestro FIP. E’ necessario intraprendere un percorso particolare? Grazie. Marco

    1. Ciao Marco,
      per poter diventare un fotografo ufficiale purtroppo non è semplice come può sembrare…per prima cosa devi prendere il tesserino da giornalista, altrimenti non ti fanno neanche entrare, e poi devi fare tanta tanta gavetta…informati su internet per il tesserino! È fondamentale!
      Ciao
      Mary

  2. Ciao,
    l’articolo é molto interessante!
    Non avevo mai visto la fotografia nell’ottica sportiva.
    Mi piace tanto, come le foto.
    Brava!!!
    Matilde

    1. Ciao Matilde,
      grazie mille per i complimenti!
      Cerco sempre di mettere passione nelle foto che faccio e anche in quello che scrivo.
      Se vuoi puoi seguirmi sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/RedblondPhMaryDiMauro
      Ciao
      Mary Di Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *